Andrea Casazza, Stato agrario economico del Ferrarese

"Due sono i sistemi conosciuti nella provincia ferrarese per la condotta dei fondi. Tutti i terreni vengono amministrati o per economia, cioè a tutta spesa del proprietario, o a mezzeria, ove il coltivatore è tenuto a tutti i lavori della possessione, e ne divide il reddito con il proprietario. Il primo, detto comunemente di boaria, è universale nel cisrenano ferrarese, toltone qualche eccezione, in particolare in prossimità al Bolognese, ove vengono adottati i mezzadri, tanto per la ristrettezza dei loro poderi, quanto per la mancanza su di essi dei prati, così necessari al sistema di boaria. [...] non ci ha fra noi chi possa revocare in dubbio, e che non abbia a dolersi, come colla boaria vengono a confronto delle esposte cose l'infingardaggine, quasi innata nel lavorante, la lentezza nell'esecuzione dei lavori, la negligenza in ogni singola parte, non esclusa la raccolta de' prodotti; al che aggiungasi la necessità di una assoluta, ed instancabile sorveglianza, estesa pure a quei lavori che non sono dal boaro eseguiti, ma bensì dai giornalieri" (p. 61)

 

 

 

Andrea Casazza (1804-1881), figlio di una agiata famiglia di commercianti, studiò ingegneria e scrisse di cose economiche, specialmente agricole. Amico di Berti Pichat ed altri agronomi, collaborò al Comizio agrario e partecipò ai congressi degli scienziati preunitari. Fu deputato nel 1848, poi consigliere nella prima Deputazione provinciale e nel consiglio municipale. Stefano Gatti, sposandone una figlia, ne perpetuò il casato.

 

 

 

Clicca qui per scaricare il pdf di Andrea Casazza, Stato agrario economico del Ferrarese, Ferrara, Taddei 1845

Letto 4220 volte

Istituto di Storia Contemporanea - vicolo Santo Spirito, 11 - 44121 Ferrara
Telefono e fax: 0532/207343 - email: isco.ferrara@gmail.com - sito: http://www.isco-ferrara.com/ - Privacy & Cookies